20 gennaio 2007

Città asfissiate da smog e... contraddizioni!


“Smog che fare?” Questa la campagna lanciata dalle pagine di Metro - giornaletto a distribuzione gratuita - contro gli scarichi delle automobili che soffocano le più grandi città italiane!
Peccato però che proprio laddove si parli di iniziative contro lo smog, di idee per decongestionare il traffico cittadino, di creare aree pedonali o di promuovere l’uso dei mezzi pubblici invitando i cittadini a lasciare la macchina a casa, si cada in una palese quanto marchiana contraddizione: intere pagine del giornale che pubblicizzano l’acquisto di automobili!
Non ci credete?
Date un po’ un’occhiata a pagina 6 di Metro, edizione di venerdì 19 gennaio!
Nel bel mezzo della pagina, dedicata alla meritoria campagna contro smog e automobili, campeggia la pubblicità di una nota concessionaria automobilistica romana!
Ogni commento è… superfluo!!!!

16 Comments:

At 21 gennaio, 2007, Anonymous Anonimo said...

Hi all!
New Game
http://italiagame.org

G'night

 
At 22 gennaio, 2007, Anonymous Anonimo said...

....PURTROPPO è IL MALCOSTUME DI UNA SOCIETà SENZA PIù REGOLE, SENZA PIù ETICA POLITICA, MORALE E RELIGIOSA!!!

 
At 31 gennaio, 2007, Anonymous Anonimo said...

http://italiagame.org/site

 
At 01 febbraio, 2007, Anonymous Anonimo said...

...purtroppo l'italia è il paese di "silvio"&"veronica"... il paese della pizza e degli spaghetti.... facciamo ridere!
Ho letto Metro di quel giorno... una bella "contraddizione"!!!!!

 
At 01 febbraio, 2007, Anonymous Anonimo said...

...hai ragione: una vera "beffa"!!!!

 
At 01 febbraio, 2007, Anonymous Paol said...

Da non credersi... una campagna contro le auto e lo smog e poi si fa la pubblicità delle macchine! E' proprio vero non c'è più religione!

 
At 01 febbraio, 2007, Anonymous Cristina said...

ma che gliene frega alla fiat alla ford all renault della crisi energetica e dello smog, basta che vendono ed incassano denaro: costi quel che costi!

 
At 01 febbraio, 2007, Anonymous Anonimo said...

finance idustrial all fico score.
bugiallis.
chasecreditcard.
chase credit card.
refinance mortgage loan.
[url=http://refinance-mortgage-loan.110mb.com][/url]

 
At 20 febbraio, 2007, Anonymous FABER said...

...PURTROPPO LA LOGICA DEL PROFITTO, GLI INTERESSI DEI GRANDI GRUPPI "PILOTANO" TUTTA LA NOSTRA VITA!!!
CHE TRISTE MALINCONIA!

 
At 20 febbraio, 2007, Anonymous FABER said...

...PURTROPPO LA LOGICA DEL PROFITTO, GLI INTERESSI DEI GRANDI GRUPPI "PILOTANO" TUTTA LA NOSTRA VITA!!!
CHE TRISTE MALINCONIA!

 
At 22 febbraio, 2007, Anonymous Marino said...

Una cosa mi chiedo: ma i vari Berlusconi, Veltroni, Fini, D'alema, Bertinotti,ecc, ecc, non pensano alla salute dei loro figli, dei loro nipoti!
Che mondo pensano di lasciar loro in eredità!?

 
At 22 febbraio, 2007, Anonymous Mrcell said...

Ma se poi pensiamo a tutte quelle forme di energia alternativa al petrolio che volutamente la grande industria e i grandi petrolieri tengono volutamente nascoste, la nausea supera anche quei livelli inaccetabili di smog che ci stanno asfissiando giorno, dopo giorno!
Politici e grandi Gruppi Industriali.... VERGOGNATEVI!!!!!

 
At 06 marzo, 2007, Anonymous stefano miccoli said...

Leggete l'appello, firmatelo e diffondetelo.

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO INDIRIZZO:
http://www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html

Un cittadino italiano ha finalmente deciso che gli fa troppo male respirare le polveri sottili e vedere persone a cui vuole bene morire di cancro intorno a sé per il benessere delle multinazionali petrolifere che da anni si arricchiscono alle nostre spalle e ha chiesto alla commissione europea (dipartimento per l'ambiente) di creare una legge che obblighi i padroni del petrolio ad installare accanto ad ogni istributore di benzina almeno un distributore ad idrogeno e di incominciare a produrlo utilizzando energie rinnovabili.
In parole povere questa legge favorirà l'introduzione sul mercato delle automobili ad idrogeno a ***ZERO INQUINAMENTO***
e ad alte prestazioni!!!
Finalmente potremo respirare a pieni polmoni e anche i figli dei nostri figli!

L'auto del futuro esiste già ed in vari modelli!

Bastano 800.000 firme per far abbassare la testa ai padroni del petrolio.

Firmate la petizione per voi, i vostri amici e parenti!

Cogliamo questa opportunità e facciamone un'arma, anche per altre piccole battaglie.

Io l'ho giá fatto e sono il numero 2.787!!!

 
At 12 marzo, 2007, Anonymous Francj said...

...tutti a piedi!!!
...invece vi sentite tutti signori e andate tutti in "carrozza"!!!

 
At 12 marzo, 2007, Anonymous di greenreport said...

Il blocco del traffico nelle regioni del Nord (compresa l´Emilia Romagna) ha evitato che nell’aria venissero immesse 10 tonnellate di polveri inquinanti (PM10). Lo sostiene l’Arpa ed è un dato significativo. Ma non sarà questo che convincerà le persone a convertirsi verso una mobilità sostenibile. Visto che non ci riesce neppure la tragica statistica dei morti per Pm10, arrivati in Italia a 9mila l’anno. Ed è ovvio che queste operazioni, come appunto il blocco della Pianura Padana e le domeniche ecologiche, non servano per abbattere l’inquinamento tout court, ma più che altro per sensibilizzare le persone e invitarle a riflettere.

L’argomento è complesso e non si presta a semplificazioni. E’ evidente però che per ridurre l’inquinamento atmosferico causato dal traffico le leve sulle quali far forza sono note e riassumibili in: veicoli meno inquinanti; utilizzo limitato all’indispensabile dei mezzi privati; maggior uso del trasporto pubblico in particolare il treno. Azioni a cui affiancare piste ciclabili, zone a traffico limitato e isole pedonali. Il blocco del traffico, viene detto, non serve a niente. Se anche fosse così, è stato almeno utile che sui mezzi di informazione si sia riaperto un interessante dibattito che pone la questione sotto diversi punti di vista.

Il primo è quello dei veicoli meno inquinanti. Argomento sul quale la politica europea e anche quella italiana sta mettendo mano. E pur tra mille difficoltà non si può non sottolineare che la Commissione europea ha messo in piedi un piano che imporrà alle aziende automobilistiche di ridurre in modo significativo le emissioni. Cosa che, come noto, penalizzerà le aziende tedesche, mentre avvantaggerà Fiat, le francesi e la Toyota. Perché si sono lanciate per prime sulla strada dell’abbattimento delle emissioni. C’è qualcosa di negativo dal punto di vista della sostenibilità ambientale in questo? L’Italia poi, non solo attraverso il ministero dell’ambiente ha istituito un fondo per la mobilità sostenibile, ma la mobilità sostenibile è mantenuta anche nei dodici punti di Prodi.

In questa prospettiva sembra piuttosto interessante il progetto europeo denominato Eco-drive. La Commissione Ue ha finanziato progetti in nove Paesi per educare i cittadini alla guida ecologica. Una tecnica di guida rispettosa dell’ambiente, sicure ed economica. Che non può non farci pensare a che impatto positivo potrebbe avere anche sui nostri giovani troppo spesso vittime della strada.

La sostenibilità viene messa in crisi, invece, se si pensa di aver risolto i problemi producendo auto a basse emissioni. Perché se continuano ad aumentare di numero, anche se meno inquinanti, il problema non viene certo risolto! E non risolve ogni questione - anche se è molto utile ed è un comportamento da seguire - che l’auto la si utilizzi meno e con più raziocinio, come è riscontrabile nell’ultima proposta di Pecoraro Scanio volta a imporre la riduzione della velocità in autostrada a 110 chilometri orari. Meno velocità, meno consumi è infatti una logica dimostrata da tutte le statistiche.

Per dare un colpo netto alle emissioni serve invece il potenziamento (e ovviamente un maggior utilizzo) del trasporto pubblico. Senza questo, abbattere lo smog nelle città è praticamente un’utopia. Ed è un problema anche di spazio, come sostiene Legambiente, perché un conto sono 80 persone su un autobus, un conto sono 80 macchine con una persona ciascuno. Ma qui sono tante le criticità: per essere scelto il trasporto pubblico deve essere efficiente (orari) e efficace (costi). Ci sarà un motivo per cui ora da Firenze a Roma praticamente più nessuno prende l’auto scegliendo il treno? Il governo punta molto sulla Tav, che porta con sé un gran numero di problematiche irrisolte, e la politica dovrà essere in grado di trovare la mediazione possibile con le amministrazioni locali e con la gente. Ed altre iniziative vanno in questo senso, come la tramvia fiorentina ad esempio. Anche questa sotto il tiro di un buon numero di oppositori.

Le priorità devono però essere chiare a tutti, così come deve essere chiaro che qualcuno rimarrà scontento. Quindi ci pare che sostanzialmente non sia utile chiedersi quanto effettivamente serva bloccare il traffico un giorno all’anno come è successo ieri al Nord, ma guardare che cosa si fa (anche personalmente) per far sì che un giorno non ce ne sia più bisogno.

 
At 27 luglio, 2007, Anonymous bingo said...

...è come chi si lamenta dell'inquinamento e continua ad andare in macchina!
...è come chi si lamenta delle onde elettromagnetiche e continua ad usare il telefonino!!!

 

Posta un commento

<< Home